É passato più di un secolo!

“L’amicizia è stata la roccia sulla quale è stato costruito il Rotary, la tolleranza è ciò che lo tiene unito”.
Paul P. Harris.

Il Rotary nacque la sera del 23 febbraio 1905, quando Paul Harris, allora giovane avvocato di Chicago, si incontrò con tre amici per discutere un’idea che da tempo lo assillava: dar vita a un club di persone di differenti professioni, organizzando incontri regolari all’insegna dell’amicizia, per trascorrere un po’ di tempo in compagnia e allargare le conoscenze professionali.
Quella sera, assieme a Paul Harris, c’erano Silvestre Schiele – commerciante di carbone – Gustavus Loehr – ingegnere minerario – e Hiram Shorey, sarto. Si riunirono presso l’ufficio di Loehr, in Derarborn Street 127, in un edificio, l’Unity Building, ancora oggi esistente a Chicago.
Da quella riunione cominciò a realizzarsi l’idea di un club maschile dove ogni socio rappresentava la propria professione. Le riunioni si svolgevano settimanalmente, a turno presso l’ufficio o la casa dei vari soci. Era, questo, un sistema di rotazione che aveva lo scopo di far conoscere a ogni socio l’attività degli altri e che portò poi
Harris a chiamare il suo sodalizio: Rotary.

L’origine nazionale dei quattro soci fondatori era diversa (americana, tedesca, svedese e irlandese) e anche le loro fedi religiose (protestante, cattolica ed ebraica). Erano un prodotto di quel grande crogiolo che erano e sono gli Stati Uniti d’America e, sotto questo aspetto, erano i progenitori più adatti a dar vita a quel grande movimento internazionale che sarebbe poi diventato il Rotary International.
Dopo l’ammissione di un quinto socio, il tipografo Harry Ruggles, il gruppo prese ufficialmente il nome di Rotary Club di Chicago. Il primo registro, che risale al 1905, riporta un elenco di trenta soci e vede come presidente Silvestre Schiele; Will Jensen – agente immobiliare – segretario; Ruggles tesoriere e il dottor Will R. Neff, dentista, incaricato dell’ospitalità. Paul Harris non volle assumere alcuna carica nel nuovo club e non ne divenne presidente se non due anni più tardi.

Ruggles fu il primo ad avere l’idea di un coro, e ancora adesso la tradizione di cantare insieme è viva in molti club.
La notizia della nuova organizzazione si diffuse rapidamente e ben presto i soci divennero così numerosi da rendere poco pratiche le riunioni settimanali negli uffici dei soci. Nacque così l’usanza di tenerle presso ristoranti o alberghi. Paul Harris non fu mai dell’idea che il club di Chicago dovesse esistere unicamente allo scopo di favorire gli affari dei soci che ne facevano parte. Egli credeva con tutto se stesso nei valori dell’amicizia e fin dall’inizio sperò che in ambito civico il club avrebbe intrapreso delle iniziative di più ampio respiro. Nel 1907, due anni dopo la
fondazione del club, fu varato il primo progetto in favore della collettività: la costruzione di toilettes pubbliche nei pressi del municipio, la prima infrastruttura del genere creata a Chicago.
Tre anni dopo la fondazione del club di Chicago fu costituito un secondo club a San Francisco e l’anno seguente si aggiunsero all’elenco altri tre club. Nel 1910, sparsi in tutti gli Stati Uniti, c’erano 16 club con oltre 1.500 soci.
In quell’anno a Chicago si tenne il primo congresso e i 16 club si riunirono sotto la denominazione di Associazione Nazionale dei Rotary club. Paul Harris ne venne eletto presidente, mentre Chesley R. Perry, entrato a far parte del club di Chicago nel 1908, fu nominato segretario, carica che conservò fino al 1942, quando andò in pensione; Rufus Chapin fu nominato tesoriere e mantenne l’incarico fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 1945.
Durante questi primi anni cominciò a prendere forma l’ideale del servire, in particolare da quando Arthur Frederick Sheldon divenne socio del club di Chicago.
Egli era fermamente convinto che ogni professione dovesse essere considerata come un mezzo per servire la società e al primo congresso del Rotary, svoltosi nel 1910, propose il motto ‘He profits Most Who Serves His Fellows Best’ (Chi sa rendere agli altri un servizio migliore trae maggiori vantaggi). L’anno successivo, un altro dei primi soci del Rotary, Benjamin Franklin Collins, parlò ancora dell’importanza del servire e lanciò l’idea di organizzare i club sulla base del principio ‘Service, Not Self’ (Servizio, non profitto personale). Le due frasi modificate in ‘He Profits Most Who Serves Bests’ (Chi serve meglio trae maggiori vantaggi) e ‘Service Above Self’ (Servire al di sopra di ogni interesse personale), furono prontamente accettati da tutti i rotariani e divennero i motti di cui  fregiarono i loro distintivi. Ma dovevano trascorrere 40 anni perché essi fossero adottati ufficialmente dal Rotary International in occasione del congresso di Detroit del 1950.

I primi tentativi di Paul Harris di costituire un club fuori dai confini degli Stati Uniti d’America furono coronati dalla fondazione di quello di Winnipeg, in Canada, avvenuta nel 1911 dopo una lunga serie di approcci negativi. Fu così che il Rotary divenne internazionale.
Arch Klumph, sesto presidente del RI, nel 1917 ideò la Fondazione Rotary e nello stesso anno si iniziò la pubblicazione di The National Rotarian, il precursore della rivista The Rotarian, nota come organo ufficiale del Rotary International. Più tardi, sempre nel 1917, Paul Harris si mise in contatto con il bostoniano Harvey Wheeler,
proprietario di un cotonificio in Inghilterra, allo scopo di costituire un club a Londra.
Poco dopo, lo stesso Wheeler, con Arthur Frederick Sheldon ed E. Sayer Smith, fondò i club di Londra e di Manchester.

Nel medesimo tempo Paul Harris apprese con grande meraviglia che in Irlanda, a Dublino, esisteva già un Rotary club, la cui costituzione risaliva al marzo 1911. Il mistero venne chiarito non appena si seppe che Stuart Morrow, un ex rotariano di san Francisco, si era trasferito in Irlanda e aveva organizzato un club a Dublino e uno a Belfast. Paul Harris chiese a Morrow di proseguire nell’opera già intrapresa e in breve tempo in Scozia furono fondati i club di Glasgow e di Edimburgo e altri in varie località dell’Inghilterra.

Una volta varcato l’Atlantico il Rotary si diffuse rapidamente e al congresso di Duluth del 1912 la sua denominazione venne cambiata in Associazione Internazionale dei Rotary Club, a sua volta abbreviata, nel 1922, in Rotary International. Il primo presidente non statunitense, il canadese E. Leslie Pidgeon, fu eletto nel 1917 al congresso di Atlanta. Il primo Rotary Club costituito in un paese non di lingua inglese fu quello cubano dell’Avana (1916), disciolto nel 1979.
Il Rotary incominciava quindi a oltrepassare non solo i confini nazionali, ma anche le barriere linguistiche, senza tuttavia acquisire una dimensione veramente mondiale sino agli anni Venti, allorché si diffuse per tutta l’Europa continentale e raggiunse l’America meridionale e centrale, l’Africa, l’Australia e l’Asia.

Tale diffusione, attestata dall’universalità del sodalizio, ha provato e prova che i principi su cui esso si basa hanno ancora una vitalità così intensa ed esercitano un richiamo così forte da superare ogni differenza di razza, religione, lingua e nazionalità.
Gli anni Venti furono costruttivi, brillanti, ricchi di sfide: il 1926 in particolare fu l’anno memorabile in cui il Rotary Club di Londra diede uno dei maggiori contributi al movimento rotariano. Nel corso di una passeggiata domenicale tra le colline del Surrey, due dei suoi membri misero a punto quello che fu chiamato il progetto ‘Scopi e obiettivi’. In sintesi, avevano pensato di incanalare le attività di servizio secondo quattro precisi indirizzi: l’azione interna, l’azione di interesse pubblico, l’azione professionale e l’azione internazionale. I due rotariani erano Sydney W. Pascall, che nel 1931-32 doveva essere nominato presidente del Rotary International, e Vivian Carter, che a quell’epoca era segretario generale del RIBI, l’associazione dei Rotary Club in Inghilterra e Irlanda.
La nuova idea fu ampiamente discussa e presentata nel 1927 al congresso del RI di Ostenda, dove fu accettata. Di conseguenza i quattro indirizzi (più tardi chiamati ‘vie d’azione’), divennero parte integrante degli scopi del Rotary International e sono tuttora operanti dovunque funzioni un Rotary Club.

Il Rotary International è stato l’antesignano di altre grandi associazioni di servizio, come il Kiwanis International (costituito nel 1917), il Lions Club (1917) e l’Optimist International (1919). Analogamente, sul modello rotariano si vennero a creare organizzazioni femminili di servizio quali lo Zonta International, fondato nel 1919.
Il Rotary ha anche preparato il terreno a numerose importanti organizzazioni di statura mondiale, tra cui la International Society for Crippled Children, fondata nel 1922 – attualmente ribattezzata con il nome di Rehabilitation International – e l’Unesco (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization), le cui basi furono poste nel corso di un convegno rotariano svoltosi a Londra nel 1942, con lo scopo di esaminare la costituzione di un vasto sistema di scambi culturali tra nazioni.
Nel periodo di ricostruzione post-bellico, il Rotary International inviò alla Conferenza della Carta Costitutiva delle Nazioni Unite, svoltasi a San Francisco nel 1945, la più vasta delegazione che abbia mai rappresentato una Organizzazione non Governativa (OnG): ben 49 rotariani, in funzione di delegati, esperti e consulenti.

Dopo un modesto avvio, la Fondazione Rotary partì velocemente nel 1947, allorchè ricevette in dono dai rotariani notevoli contributi finanziari in occasione della morte di Paul Harris, avvenuta il 27 gennaio di quell’anno.
Ciò permise alla Fondazione di lanciare il suo primo programma – le Borse di studio per Laureati (chiamate oggi Borse degli Ambasciatori) – inviando a studiare all’estero, in 7 paesi, ben 18 studenti. Oggi, sono più di 1.300 gli studenti e le studentesse che ogni anno possono recarsi a studiare all’estero grazie ad una Borsa di Studio della Rotary Foundation. Ma il progetto più ambizioso intrapreso dal Rotary resta il Programma Polio Plus lanciato nel 1985 con l’intento dichiarato di eradicare definitivamente la poliomielite da tutto il mondo. Oggi sono oltre un miliardo i bambini salvati dalla poliomielite che, proprio per questa campagna, è stata quasi completamente eradicata.
Si pensa , si spera e si sta operando per raggiungere l’obiettivo finale entro il 2012.
Ciò si deve principalmente all’idea e all’impegno di due rotariani: uno italiano e uno polacco. L’italiano era il triestino Sergio Mulitsch di Palmenberg , che nell’ottobre 1979 lanciò l’iniziativa di una campagna antipolio nei paesi in via di sviluppo.
Nel 1980 partirono dall’Italia 500 mila dosi di vaccino per le Filippine.
L’idea fu raccolta dalla Fondazione Rotary che la fece propria e, in accordo con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Unicef, nel 1985 iniziò (ed ancora Loghi dei Presidenti Internazionali dall’anno rotariano 2001-02
Loghi del Rotary nel tempo continua) a mandare dosi di vaccino in tutto il mondo e, con esse, rotariani che le
somministravano. A spese proprie e con il contributo di privati, come la Fondazione Bill e Melinda Gates ed altri.
Il secondo rotariano era il Nobel Albert Bruce Sabin, che non volle brevettare le sue scoperte mediche, rinunciando allo sfruttamento commerciale per garantirne una più vasta diffusione.
Le donne sono state ammesse nel Rotary per la prima volta nel 1987, oggi costituiscono uno dei settori di maggior sviluppo del Rotary, com’è dimostrato anche dal numero crescente di posizioni direttive assunte dalle rotariane all’interno dell’organizzazione.
Le statistiche sull’espansione del Rotary nel mondo sono imponenti, ma le realizzazioni rotariane che ogni anno si compiono attraverso le quattro vie d’azione non possono essere descritte solo con le cifre.
L’amicizia, il miglioramento nell’esercizio degli affari e delle professioni, la gioia recata ai meno privilegiati e ai disabili, il lavoro svolto con i giovani per aiutarli a sviluppare i principi della leadership, l’incessante fluire di iniziative in favore della collettività, le migliaia di borse di studio e di scambi culturali, gli innumerevoli altri progetti varati dai club, comprese le attività internazionali della Fondazione Rotary, sono tutti elementi da tenere presenti nel considerare i progressi compiuti attraverso il programma del Rotary; e questo proprio grazie alla peculiarità del
Rotary, che può essere paragonato a un mosaico composto da innumerevoli tessere di grandezza diversa e differenti per forma e colore.
Nella sua autobiografia My Road to Rotary (la mia via verso il Rotary), Paul Harris paragona la potenza del Rotary al corso di un fiume maestoso: “Il grande fiume è la somma totale dei contributi di centinaia, forse anche di migliaia di piccoli ruscelli che vi affluiscono dalle colline e dai monti, mormorando dolcemente, impazienti di tuffarsi nella sua corrente”. A questo si può paragonare l’espansione del Rotary.

Esso è diventato grande per la dedizione e il contributo di migliaia di rotariani di tanti Paesi.
Ci sono nel mondo 1.250.000 rotariani che danno vita a oltre 32.000 Club divisi in 530 Distretti presenti in 200 Paesi.
Il suo prestigio, la sua tradizione e il carisma degli uomini che lo compongono e lo guidano ne fanno l’unica associazione non governativa che ha un suo rappresentante al Consiglio delle Nazioni Unite.
Oggi, il Rotary International incoraggia i suoi club a concentrare le proprie forze su una vasta gamma di attività di servizio nei settori della fame nel mondo, della protezione dell’ambiente e della prevenzione contro la violenza, prendendo particolarmente di mira i settori concernenti l’alfabetizzazione, i senza tetto, l’abuso della droga, l’eradicamento della poliomielite, l’assistenza a favore dell’infanzia e delle persone anziane, l’informazione e la sensibilizzazione del pubblico contro i rischi dell’AIDS.

service(Servire al di sopra di ogni interesse personale)

E’ il motto del Rotary e dei rotariani di tutto il mondo.
E tutto nacque in una riunione di quattro amici
centocinque anni fa: il 23 febbraio 1905